Basta con le visite ginecologiche dove tutto è dato per scontato nella particolare situazione di intimità che si crea, e può diventare labile il confine tra atti leciti e abusi. Il consenso a questo tipo di visita – sottolinea la Cassazione con un verdetto molto netto – non può mai essere inteso come “implicito” dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese