“No africani alla maratona”, poi dietrofront. Ma il problema sono i soldi ai manager

“No africani alla maratona”, poi dietrofront. Ma il problema sono i soldi ai manager

Prima no agli africani alla maratona di Trieste, poi il passo indietro in serata. Per alcuni era razzismo, per altri era diventato un caso politico nazionale, col sottosegretario Giancarlo Giorgetti che aveva parlato addirittura di “scafisti dello sport”, mentre il vicepremier Luigi Di Maio ha risposto dicendo che “è giusto combattere lo sfruttamento dei corridori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.