Prima no agli africani alla maratona di Trieste, poi il passo indietro in serata. Per alcuni era razzismo, per altri era diventato un caso politico nazionale, col sottosegretario Giancarlo Giorgetti che aveva parlato addirittura di “scafisti dello sport”, mentre il vicepremier Luigi Di Maio ha risposto dicendo che “è giusto combattere lo sfruttamento dei corridori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bolsonaro (se) la prende con Filosofia

prev
Articolo Successivo

Fischiato il prefetto che aveva autorizzato il corteo fascista. Lui denuncia i contestatori Anpi

next