Quando nacque il governo Conte, il sottosegretario leghista Giancarlo Giorgetti, politico accorto e navigato, regalò al suo vicepremier e leader Matteo Salvini una foto di Matteo Renzi, da tenere sulla scrivania del Viminale come monito imperituro sulla caducità del consenso. Appena cinque anni fa il neopresidente del Consiglio Renzi, sulle ali degli 80 euro, trionfava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

Testatina 2604

next