“Mi sono difeso, non volevo ucciderlo. Mi avevano teso un agguato, avevano un coltello”. Simone Paiano, 25enne con precedenti penali, ha confessato così ai carabinieri di Maglie, in Salento, i motivi che lo hanno spinto a impugnare una pistola calibro 6,35 e a sparare alla gola di Mattia Capocelli, il pregiudicato 28enne morto la notte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)