“Non dimenticate la storia di mia zia, Rita Atria”

Vita Maria Atria - La figlia di Piera Aiello parla per la prima volta: del suo anonimato e dell’esempio buono e cattivo ricevuto in famiglia
“Non dimenticate la storia di mia zia, Rita Atria”

“Mia zia Rita è sempre stata discriminata perché veniva da una famiglia che non ha fatto scelte positive. Tutti pensavano che potesse fare gli stessi errori del padre, del fratello e della madre. Spero che la sua memoria non venga messa in ballo solo per scopi di lucro. Il mio cognome è Atria e ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.