“Mia zia Rita è sempre stata discriminata perché veniva da una famiglia che non ha fatto scelte positive. Tutti pensavano che potesse fare gli stessi errori del padre, del fratello e della madre. Spero che la sua memoria non venga messa in ballo solo per scopi di lucro. Il mio cognome è Atria e ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Testimoni di giustizia: la protesta il 10 maggio

prev
Articolo Successivo

Per i 130 anni dalla nascita di Hitler il concerto è negli spazi del Comune

next