La marcia trionfale degli anti-gay, anti-abortisti, anti-divorzio, ovvero il Congresso mondiale delle famiglie, che oggi si riunisce a Verona, comincia a connotarsi persino agli occhi di chi crede nelle crociate, come un pericoloso pasticcio. La Lega è un partito un po’ “stalinista” nello stile. E così, nessuno osa criticare apertamente la linea di Matteo Salvini, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Violenza sulle donne, lite alla Camera sul revenge porn: voto slitta a martedì

prev
Articolo Successivo

Affido dei minori, il M5S “fa fuori” Pillon

next