Il Comando delle Capitanerie di porto non intende farsi carico del ritardo imposto allo sbarco dei 47 migranti salvati a gennaio dalla nave Sea Watch 3 della ong tedesca Sea Watch. E in particolare dei 15 minori, per i quali la Procura per i minorenni di Catania chiese lo sbarco immediato a Siracusa, dove la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Ong salva 49 persone. Salvini “chiude” le acque

prev
Articolo Successivo

Andrea Segre: “La cattiva politica blocca il nostro film”

next