Non c’è pace per Palermo in queste ore. Prima gli atti intimidatori nel quartiere Brancaccio dove sorgerà l’asilo nido don Puglisi, poi il raid vandalico alla scuola “Sciascia” nel quartiere Zen 1. Mani diverse ma pur sempre mani di ragazzini, figli di una mentalità mafiosa che sembra attanagliare la città nei suoi quartieri più poveri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

G8 Genova, i poliziotti condannati a risarcire lo Stato per la Diaz con 2,7 milioni

prev
Articolo Successivo

Truffa a Rfi: “piazzavano” terriccio a rischio amianto per i terrapieni ferroviari

next