La letteratura cambia, l’adolescenza resta

Lo scrittore Filippo Tapparelli racconta come viene rappresentato il buio dell’età più buia di tutte
La letteratura cambia, l’adolescenza resta

Da pochi giorni in libreria “L’inverno di Giona” di Filippo Tapparelli, vincitore del Premio Calvino 2018: un romanzo sul male oscuro nell’adolescenza. Abbiamo chiesto all’autore di raccontarci come la letteratura affronta questo tema. Per quanto mi sforzi, non riesco a rivivere quello che ho provato quando ero nel mezzo di quegli anni indefinibili chiamati adolescenza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.