Può succedere che una indagine riguardante sostanzialmente gli stessi fatti venga spacchettata per diverse competenze territoriali in due processi che si concludono con due sentenze divergenti, una di condanna e una di assoluzione, su accuse che in molti punti combaciano? Certo che può succedere. Infatti è successo per l’inchiesta dei carabinieri del Noe, guidati dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Smettila, mi fai male”: altri abusi in sacrestia a Lecce

prev
Articolo Successivo

“Aspirina è mia”: così la Bayer fa chiudere l’omonima rivista

next