Il sogno americano si regge su una precisa promessa della società a ogni cittadino: i migliori saranno premiati, la disuguaglianza è dunque un male necessario perché chi vale di più deve ottenere di più. La competizione per eccellere inizia con i test sulle performance dei bambini all’asilo e culmina con i test di ammissione alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Ecco gli esami truccati dai prof con la “spartizione territoriale”

prev
Articolo Successivo

Calabria punto e a capo (14 anni dopo Fortugno)

next