Secondo giorno di protesta degli imprenditori agricoli e braccianti della Sicilia Sud Orientale che si sono riversati lungo la statale Catania-Gela, per manifestare contro l’importazione massiccia di prodotti dall’estero e il calo dei prezzi. “Il governo Salvini dice prima gli italiani – spiega l’imprenditore Gaetano Gentile –, noi siciliani siamo italiani, perché non ci viene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno