A 19 giornate parlamentari dal 29 marzo, data fatidica in cui, se il cielo o il buonsenso non intercedono, il Regno Unito uscirà dall’Unione europea senza un accordo, Theresa May persevera nella strategia della lumaca: rimandare. Ieri ha confermato che il meaningful vote, l’ennesimo voto parlamentare decisivo sul suo accordo con Bruxelles, già bocciato dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trump e Kim, si parlerà di missili ma non di torture

prev
Articolo Successivo

“Io, ex vicesegretario dell’Onu vi spiego il grande imbroglio della crisi in Venezuela, tra Wall Street e petrolio”

next