“Le leggi son ma chi pon mano ad esse? Nullo …” scrive Dante tra gli iracondi del Purgatorio. Mi ritorna in mente il verso mentre passo la canna al mio vicino di divano, nel girotondo fumesco del dopo cena tra gli amici. Ho appena posato le labbra, senza aspirare. Non ci riesco, anche se l’odore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da Satana alla Diciotti, riecco il Medioevo

prev
Articolo Successivo

La cattiveria

next