Sempiterna e indistruttibile, Santa Romana chiesa sopravvive a tutto. Alle crisi di vocazioni e agli scandali sessuali, all’anoressia del popolo credente e all’anacronismo del celibato, alla crisi economica e alla Secolarizzazione. Perché? Senza velleità sociologiche, ma con buon senso, Salcher Werner da Ortisei, produttore di presepi, spiega: “Per fortuna la gente al sacro ci crede […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pedofilia, il Papa caccia il cardinale McCarrick

prev
Articolo Successivo

“Sodoma”, il libro che rivela i segreti gay del Vaticano

next