Sono le foto inedite, agli atti dell’indagine, che provano lo spionaggio e il pedinamento del giornalista investigativo slovacco Jan Kuciak poco prima che fosse ucciso con la sua fidanzata Martina Kusnirova il 21 febbraio 2018. Foto servite ai killer. Foto scattate con il teleobiettivo ovunque Jan si spostasse, alla fermata dell’autobus o davanti al cancello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il coro di S. Cecilia e l’Italia che muore povera e vecchia

prev
Articolo Successivo

Tolta la scorta a Sandro Ruotolo Zagaria disse: “Squartiamolo vivo”

next