Il pomeriggio del 18 gennaio, quando 117 naufraghi muoiono annegati 50 miglia a nord-est di Tripoli, c’è un mercantile che viene contattato per tentare il soccorso. È il Cordula Jacob, battente bandiera liberiana. C’è però un dettaglio che non quadra tra le ricostruzioni ufficiali e le registrazioni avvenute a bordo in quelle ore drammatiche. Chi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sea Watch bloccata a Catania

prev
Articolo Successivo

Chiesto l’ergastolo per cinque scafisti “Morti asfissiati in 53, chiusi nella stiva”

next