Si chiude la prima tormentata corsa del cosiddetto “decreto Semplificazioni” che in origine doveva contenere solo misure per la “deburocratizzazione e la facilitazione dei rapporti tra cittadini e imprese con la Pubblicazione amministrazione”. Dal via libera dal Consiglio dei ministri del 15 ottobre scorso infatti, come spesso accade, il testo ha finito per trasformarsi in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“I comunisti col Rolex oggi stanno nel Pd, ma anche nella Lega”

prev
Articolo Successivo

Tra i “raccomandati” di Intesa. La Spoon River del lavoro in Italia

next