“Truffatore maniaco, nemico del popolo, corrotto”. Pawel Adamovicz, il sindaco di Danzica pugnalato sul palco durante un concerto di beneficenza, veniva descritto quotidianamente dalla tv pubblica come un “cancro della Polonia e della sua democrazia”. Dall’ottobre 2017 al 13 gennaio scorso, giorno dell’omicidio, il giornalista Krzysztof Leski, di servizi contro il sindaco filo-europeo ai telegiornali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trump “sfiducia” Maduro

prev
Articolo Successivo

Vargas Llosa lascia il club della penna

next