Non è vero che i partiti italiani di maggioranza e di opposizione non abbiano più un minimo comun denominatore. Uno ce l’hanno: l’allergia, comune e trasversale, al principio di realtà. Nessuno, né i pupulisti né gli antipopulisti, vuole arrendersi all’idea che la politica sia l’arte del possibile. Se ne stanno accorgendo i leghisti, che han […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

mercoledì 23 gennaio 2019

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mannelli

next