Che Bonafede abbia sbagliato, e di grosso, con quell’imbarazzante autovideo su Facebook travestito da secondino di Battisti non c’è dubbio. Ha esagerato e farebbe bene ad ammetterlo, scusarsi e magari chiudere i social (una trappola che sta sterminando i politici di mezzo mondo). Ma, come già con Salvini, appena un ministro di questo governo la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

Testatina 1801

next