Le ipocrisie sul terrore

Il senso della violenza - Da Robespierre ai jihadisti, la storia dimostra che il delitto politico dall’omicidio mirato alla strage, può essere utilizzato anche da altri soggetti, statali e parastatali, per fini differenti da quelli degli autori

Si può viaggiare in tanti luoghi e modi diversi, anche leggendo un libro che percorre i territori insanguinati del terrore e del terrorismo. Partendo dalla Palestina del Primo secolo dopo Cristo, dove era attiva la setta integralista ebraica degli Zeloti, per arrivare sino al terrorismo globale dei giorni nostri, quello combattuto da “guerrieri transnazionali” in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.