La mattina del 7 dicembre 2011 via Mascagni a Casapesenna (Caserta) era tutto un brulicare di signore affacciate ai balconi che commentavano l’assedio al quartiere di centinaia di poliziotti e carabinieri. Le loro telefonate vengono intercettate. Si sente una donna esclamare: “Stamattina è il giorno del giudizio”. La mattina del 7 dicembre 2011 è il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Scontri Inter-Napoli. La polizia sapeva ma s’è persa gli ultrà

prev
Articolo Successivo

La riforma urgente è quella elettorale

next