Tradizioni

La tombola, una vera arte quasi scomparsa

A teatro - L’attore Gino Curcione ha incantato e coinvolto il pubblico al Sannazaro di Napoli

Di Paolo Isotta
6 Gennaio 2019

Era abitudine napoletana trascorrere la notte fra la Vigilia e il Natale giuocando a tombola. Ciascun convitato al cenone “di magro” (con ricchi piatti di pesce, e l’anguilla fritta detta capitone) aveva una cartella con quindici numeri. Il croupier li estraeva da un panierino. La tombola era vinta da chi avesse conseguito sei punti; a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.