Non gioco più me ne vado, cantava Mina: potrebbe essere la canzone del cupio dissolvi Pd, di cui Marco Minniti è l’ultimo esempio. Soltanto diciotto giorni in corsa per la segreteria e, d’un tratto, non gioco più davvero. “Per salvare il partito”, sostiene, “un gesto d’amore per consegnare una leadership forte e determinata alle primarie”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Renzi gioca a sfasciare tutto. E stavolta molla anche i suoi

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next