Emmanuel Macron prende tempo sul nucleare e rinvia di dieci anni, dal 2025 al 2035, l’ambizioso obiettivo che si era fissato il suo predecessore, François Hollande, di ridurre, dall’attuale 75%, al 50% la quota dell’atomo nella produzione di energia elettrica in Francia. Si tratterà di chiudere 14 reattori di 900 megawatt (su un parco di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal confine interno alla dogana. I pomi della discordia su Brexit

prev
Articolo Successivo

Quelle corse in Alfa Romeo sulle tracce di “Accattone”

next