La Commissionepotrebbe aprire una procedura per debito eccessivo a carico dell’Italia “anche entro la fine dell’anno”. Ma la palla passa ora agli Stati membri, che dovranno fornire le proprie valutazioni entro due settimane. La prossima tappa è quindi il vaglio del Comitato economico e finanziario del Consiglio europeo, composto da alti funzionari dei membri, delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)