Scendi dalla macchina ad Aymavilles, lungo la strada che poi s’inerpica nella valle di Cogne, e la prima a venirti incontro è la temperatura invernale. Tre gradi che mordono la pelle, dopo un lungo periodo di pioggia. Non c’è ancora la neve, ma in questo lembo di Valle d’Aosta, che qui chiamano envers (“rovescio” in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pascali ai pm: “Informavano lui e non me Bisogna segnalarlo alla Procura militare”

prev
Articolo Successivo

Sequestro Shalabayeva, poliziotti a processo

next