La notizia che il ministro della Giustizia ha proposto un emendamento al decreto Anticorruzione, in forza del quale la prescrizione cessa di decorrere con la sentenza di primo grado, ha suscitato scomposte reazioni da più parti. Come era prevedibile, i primi a insorgere sono stati gli avvocati penalisti che hanno preannunciato il consueto sciopero che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

vignetta mora

prev
Articolo Successivo

L’Harmony di Salvini, il “pupazzo” che ha preso il posto del ministro

next