Duelli politici, ma anche di genere, di colore, generazionali: è un arcobaleno di diversità l’arco dei candidati senatori, deputati e governatori in lizza nel voto di midterm di domani. Nell’Unione, l’appuntamento di metà mandato è tradizionalmente favorevole al partito d’opposizione, cioè che non ha la Casa Bianca: dal 1934 ad oggi – oltre 20 elezioni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Gialloverdi senza avversari: meglio mischiare le squadre

prev
Articolo Successivo

La follia di Donald: settemila soldati per i 7 mila in fuga

next