Pensate quanto può il potere di una suocera. Un tapino – Turi Mannino, ovvero Salvatore – si ritrova a non essere più padre, né marito e nemmanco partecipe della propria azienda. E figurarsi padrone della propria casa quando – abitando sotto lo stesso tetto, a Lajatico, nel Pisano – fa della signora sua suocera, la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La prescrizione dei reati in Europa non ferma i processi

prev
Articolo Successivo

La sinistra lontana dal popolo: la lezione dei funerali di Desirée

next