Ci sono diverse ragioni per la rinuncia al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari più volte annunciata dal presidente Usa Donald Trump. Ci sono le elezioni di “mezzo termine” che dovrebbero ricompattare i Repubblicani. Ci sono le pressioni degli “amici“ inglesi, australiani, israeliani, sauditi, egiziani, libici, giapponesi, indiani e subsahariani che soffiano sul fuoco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’omicidio Khashoggi ferma “re Federer”: rinuncia al torneo in Arabia Saudita

prev
Articolo Successivo

Da Eco a Pirandello, da PPP a Croce: ecco dove scovarli

next