Il padre dell’ex premier Tiziano Renzi ha mentito ai magistrati sui suoi rapporti con l’amico Carlo Russo e “probabilmente” anche sull’incontro con Alfredo Romeo non ha detto la verità. Ma non ci sono elementi per tentare un processo per traffico di influenze perché Carlo Russo è un millantatore. È il ragionamento dei pm romani Paolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Indagini e talpe

next