L’elezione di Bolsonaro alla presidenza del Brasile – se confermata questa mattina – rafforza una tendenza mondiale le cui stelle sono Trump, Salvini. Orbán. Morawiecki, Kurz e Duterte. C’è anche un’avanzata dell’ultradestra in Germania, dove per la prima volta dalla morte di Hitler un partito neonazista entra in Parlamento. E nel Regno Unito questa tendenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

In Brasile è l’alba di Jair Bolsonaro: vince 55% a 44%

prev
Articolo Successivo

Università, non sarà la meritocrazia a salvare gli atenei italiani

next