Ormai è chiaro anche ai ciechi che il coraggioso giornalista Khashoggi, che si opponeva al tirannico governo saudita, è stato torturato, ucciso e fatto a pezzi o sciolto nell’acido nel suo consolato in Turchia, per ordine diretto del re e del principe sauditi, massime autorità di quel Paese. È spaventoso che di fronte a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal Gran Sasso a Genova, il nodo è la manutenzione

prev
Articolo Successivo

Mail Box

next