Nella destra conservatrice francese c’è chi paragona la fuga dei ministri dal governo di Emmanuel Macron alla fuga dal Titanic. Dopo le dimissioni del popolare ministro dell’Ecologia, Nicolas Hulot, e quelle della ministra dello Sport, Laura Flessel, molla Macron anche Gérard Collomb. È ora il numero 2 del governo, uno dei macronisti della prima ora, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Una retata anti golpe e la crisi se ne va

prev
Articolo Successivo

La Cina compra armi russe e Trump s’arrabbia

next