“Questo caffè vale più di cento azioni Carige. E pensare che quindici anni fa il nostro titolo era tra i primi trenta al mondo per affidabilità”. Il piccolo azionista della banca genovese butta giù d’un fiato l’espresso prima di votare il destino di Carige. Già, ieri si decideva il futuro della banca dei liguri: da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vivendi e Elliott, pace provvisoria per far fuori Genish

prev
Articolo Successivo

Genova, rifacciamo il ponte come cavolo ci pare

next