La P3 fu “un’associazione segreta” che svolgeva “attività dirette a interferire sull’esercizio delle funzioni di apparati pubblici o soggetti assimilati”. I giudici della IX sezione penale del Tribunale di Roma hanno depositato le motivazioni della sentenza del processo in cui la P3 fu riconosciuta come associazione segreta guidata dal faccendiere Flavio Carboni, condannato a sei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Genova, un mese dopo. Il premier: “Abbiamo detto di no ai ricatti”

prev
Articolo Successivo

Discarica di Bussi, il giudice Romandini sanzionato dal Csm

next