Quando il ministro dell’Interno Salvini si appunta al petto come medaglie le imputazioni che gli contesta il procuratore di Agrigento, ha torto marcio: un conto è proclamarsi innocenti, un altro è contestare il potere giudiziario che fa solo il suo lavoro in presenza di notizie di reato. Quando il ministro dell’ Interno Salvini domanda perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Mannelli

prev
Articolo Successivo

La testatina

next