Molto fumo, niente arresto

Quando il ministro dell’Interno Salvini si appunta al petto come medaglie le imputazioni che gli contesta il procuratore di Agrigento, ha torto marcio: un conto è proclamarsi innocenti, un altro è contestare il potere giudiziario che fa solo il suo lavoro in presenza di notizie di reato. Quando il ministro dell’ Interno Salvini domanda perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.