Le dimissioni di Nicolas Hulot, ministro dell’Ambiente e ‘numero 3’ del governo sono un brutto colpo per Emmanuel Macron. Hulot era il più popolare dei membri dell’esecutivo francese, quello che più di tutti rappresentava il modello progressista che Macron diceva di incarnare e che gli aveva permesso di essere eletto un anno e mezzo fa. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Eliseo, che brutto Ambiente Hulot deluso sbatte la porta

prev
Articolo Successivo

Pedofilia. Abolire il celibato dei preti può fermare le molestie sui minori?

next