» Economia
domenica 26/08/2018

Attilio Befera, prima indaga sui Benetton per faccende tributarie. Poi diventa un loro manager

L’ex capo del fisco, Attilio Befera, curò il “patteggiamento” per il rientro dal Lussemburgo di una società creata per “minimizzare le tasse sugli utili fatti coi pedaggi”
Attilio Befera, prima indaga sui Benetton per faccende tributarie. Poi diventa un loro manager

C’è un fatto importante che lega da anni il gruppo Benetton ad Attilio Befera, per un decennio e fino al 2014 il signore del fisco italiano come capo dell’Agenzia delle Entrate ed Equitalia. E che poi, abbandonate le tasse, è diventato uno dei dirigenti più alti in grado di Atlantia, holding del gruppo Benetton da cui dipende Autostrade per l’Italia. Il fatto in questione è del 2012, riguarda proprio faccende tributarie ed è stato rivelato dall’Espresso: Benetton pagò 12 milioni di euro al fisco e rimpatriò Sintonia, la holding della famiglia che aveva sede in Lussemburgo per evitare ulteriori indagini sulla holding stessa. I Benetton finora avevano fatto credere che quel rimpatrio era dovuto a ragioni prettamente economiche.

La storia parte da un’indagine della Guardia di Finanza di Milano che spulciando i conti Benetton aveva scoperto un caso di estero vestizione, cioè che la holding lussemburghese della famiglia “era una società di comodo creata per minimizzare le tasse sugli utili prodotti in Italia attraverso i pedaggi autostradali”. Per chiudere la partita e forse per evitare ulteriori guai, il gruppo Benetton patteggiò un pagamento con l’Agenzia delle Entrate. Befera a quei tempi era contemporaneamente capo di Equitalia (la riscossione) e dell’Agenzia (gli accertamenti fiscali) e c’è da presumere abbia trattato direttamente lui tutta la partita considerato che di mezzo c’era una faccenda assai delicata, con cifre di rilievo e con implicato uno dei più influenti gruppi economici nazionali. La chiusura di contenzioni così pesanti prevede di solito una dose di discrezionalità da parte del fisco al momento del confronto con il contribuente ritenuto infedele o comunque fuori dalle regole. Dopo essersi dimesso due anni dopo dalle Agenzie fiscali, Befera è passato con i Benetton acquisendo un incarico di fiducia: coordinatore dell’Organismo di vigilanza di Atlantia, ufficio che “vigila sul funzionamento, l’efficacia e l’osservanza del modello di organizzazione, gestione e controllo in riferimento al modello 231”, cioè il Codice etico.

Befera era legato da mille fili al centrosinistra e nel gruppo Benetton ora emerge per importanza nel drappello di manager pescati dagli imprenditori veneti in quell’area, da Francesco Delzio capo delle Relazioni esterne a Simonetta Giordani, entrambi cresciuti intorno a Enrico Letta, la seconda diventata sottosegretario ai Beni culturali nel suo governo. Befera proviene dall’area comunista del centrosinistra che nelle faccende fiscali aveva come nume tutelare Vincenzo Visco. Nel suo ufficio di direttore dell’Agenzia delle entrate al settimo piano del palazzo sulla via Cristoforo Colombo a Roma Befera intratteneva gli interlocutori con alle spalle bene in vista una foto che lo ritrae in compagnia di Ugo Sposetti, dirigente storico del Pci e tesoriere del partito. Quando era ancora un semplice bancario di Efibanca, tentò pure la carriera di dirigente nel sindacato Cgil allora diretto da Angelo De Mattia, il quale sarebbe poi diventato direttore alla Banca d’Italia e braccio destro del governatore Antonio Fazio.

A metà degli anni Novanta del secolo passato entrò nella agguerrita pattuglia del Secit, gli ispettori del fisco tra cui spiccava Salvatore Tutino per un breve periodo assessore comunale a Roma con la sindaca Raggi. Una volta diventato il deus ex machina del fisco, Befera cominciò a strizzare l’occhio pure al centrodestra, versione Gianni Letta, frequentando da vicino il lettiano Antonio Mastrapasqua, il presidente Inps poi costretto alle dimissioni per una scandalo collegato alla sanità laziale.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
“Sono pericolosi”

Saranno abbattuti i monconi; primi aiuti versati agli sfollati

Ancora una manciata di giorni e quei due monconi troncati a metà nel cielo della Val Polcevera verranno abbattuti. Che debbano essere distrutti non si discute: il moncone ovest è infiltrato d’acqua e quello est, secondo l’assessore alla protezione civile Giacomo Giampedrone “ha un grado di ammalamento di 4 su una scala di 5”. Possono essere pericolosi, soprattutto in giornate di maltempo e anche per questo Genova deve dire addio al viadotto Morandi. La procura, che guida le indagini per omicidio colposo plurimo aggravato, disastro colposo e attentato colposo alla sicurezza dei trasporti attende che la Protezione civile relazioni sulla sicurezza dell’incolumità pubblica perché, vista la necessità di preservare il luogo dei fatti, si deve prima pensare alle persone. Autostrade, che ha versato finora 714 mila euro di contributi alle prime 74 famiglie sfollate ha annunciato che “questa cifra salirà a circa 1,5 milioni lunedì quando andranno in pagamento ulteriori 90 nuovi bonifici”. La società si è anche impegnata a presentare entro venerdì prossimo alla struttura commissariale e al Comune di Genova i progetti di demolizione e di ricostruzione che saranno sottoposti anche alla procura.

Politica

Gad Lerner e la fine di un’epoca

Economia

L’azionista di Autostrade è anche controllore

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×