» Cronaca
venerdì 24/08/2018

Ponte Morandi, salta la commissione: uno lascia, l’altro è revocato

Dopo il crollo - Conflitti d’interessi, l’organo inquirente del Mit è da rifare Gli operatori del porto pronti a chiedere 15 miliardi di risarcimento danni

La commissione ministeriale che indaga sul ponte va in pezzi: si è dimesso Antonio Brencich, professore dell’università di Genova. E il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha revocato l’incarico al presidente Roberto Ferrazza “secondo ragioni di opportunità”. Tutto nasce dal parere che il Provveditorato alle Opere Pubbliche dello stesso ministero ha dato nel febbraio scorso sul progetto di Autostrade riguardo alla ristrutturazione dei piloni 9 (quello crollato) e 10. Il documento – su cui si sta concentrando l’attenzione dei pm – era firmato anche da Ferrazza e Brencich. Al posto del presidente subentrerà Alfredo Principio Mortellaro, dirigente del Consiglio superiore dei lavori pubblici.

Intanto era emerso altro: dopo l’allarme sui controlli sollevato da una consulenza dell’Ismes, Autostrade decise di avviare i lavori ai piloni 9 e 10. Si rivolse anche al Politecnico di Milano che sottolineò i timori per il pilone 9. Anche il parere del Provveditorato non era rassicurante. Così Autostrade, proprio il primo agosto, ha avviato una consulenza anche con l’università di Genova, dipartimento di Ingegneria Civile di cui fa parte Brencich. Ma non c’è stato tempo, il ponte è crollato. E pare che Brencich fosse estraneo al gruppo di studio sul Morandi. Il docente comunque si è dimesso.

Intanto a Palazzo di Giustizia si affilano le armi per le cause civili per danni all’attività del porto che potrebbero arrivare a 10-15 miliardi. Ma prima tocca alla giustizia penale: gli investigatori sono alla caccia di 30 bombole di acetilene, il gas esplosivo e infiammabile usato per le saldature. Al momento del crollo risulta che fossero presenti sul Morandi, ma finora non se n’è trovata traccia. In teoria potrebbero essere state colpite dal fulmine ed esplose dando origine al disastro. È un’ipotesi cui i periti non danno credito, ma in questo momento per trovare la causa del crollo occorre procedere soprattutto per esclusione. Naturalmente anche le bombole costituivano un ulteriore peso sulla struttura. Trovare l’acetilene è importante. Le cause, quindi. C’è poi l’altro filone dell’inchiesta: le responsabilità e i controlli.

Mercoledì le Fiamme Gialle a Roma e Genova, oltre a scatoloni di materiale relativi al ponte, hanno sequestrato i cellulari e i computer di alcuni dirigenti di Autostrade. E hanno sentito, come persona informata sui fatti (quindi non indagato), Michele Donferri, direttore manutenzione e investimenti. Volevano soprattutto sapere dove fosse archiviato il materiale legato ai cantieri e alla sicurezza. Ma sono stati chiesti dettagli sui lavori previsti. Informazioni propedeutiche all’esame dell’immensa mole di materiale. Poi arriverà l’incidente probatorio. E verrà resa nota la lista degli indagati che dovrebbe essere ampia – si parla di una dozzina di nomi – per evitare che eventuali esclusi poi chiedano la ripetizione dell’incidente (che non è sempre possibile, quando si tratta di esaminare materiale deperibile).

Poi si aprirà il gigantesco capitolo dei danni. “Stiamo predisponendo una rete tra istituzioni per assistere le imprese. Vogliamo rendere più rapide le pratiche burocratiche, distribuiremo anche un formulario per valutare i danni diretti e indiretti”, spiega Maurizio Caviglia, segretario della Camera di Commercio. Giampaolo Botta di Spediporto (l’associazione che raccoglie gli spedizionieri) racconta: “Oltre cento spedizionieri si sono incontrati per individuare le soluzioni possibili per non perdere traffici. Il lavoro riprenderà a pieno ritmo a inizio settembre, dobbiamo essere pronti”. Il porto rischia danni enormi? “Speriamo di riuscire a svolgere il nostro lavoro anche con infrastrutture limitate. Certo, se avremo dei danni si è già deciso di costituirci parte civile nel processo”. Secondo le ipotesi più pessimistiche il porto potrebbe perdere fino al 20% dei traffici. I calcoli, per i container, sono semplici: 500mila contenitori in meno. Ognuno vale 30mila euro. Fanno 15 miliardi.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Dubbi sul metodo

Viadotto da demolire ma non si sa come: “Pericoli per le case”

Entro 5 giorni Autostrade presenterà il piano per demolire il ponte, o meglio ciò che resta del Morandi. Ancora, però, non si sa come si procederà all’abbattimento: la soluzione dell’esplosivo presenta infatti alcuni rischi per le case sottostanti al viadotto, come ha spiegato il governatore Giovanni Toti. “Il ponte lo abbatteremo di sicuro”, conferma, anche se i piani potrebbero essere più d’uno. “Non sappiamo come reagirà il ponte alle sollecitazioni, né cosa comporterà il piano, quali sono le traiettorie di crollo durante la demolizione, cosa comporterà la messa in sicurezza”. Ieri c’è stata una riunione fiume su modi e tempi della demolizione, a cui hanno partecipato tutte le parti in cause. Anche la procura di Genova che sta indagando sulle cause del crollo, che non ha ancora dato l’autorizzazione per il dissequestro dei monconi, necessario per procedere alla demolizione. In ogni caso, per avere un nuovo ponte bisognerà pazientare: “Ci vorrà un anno di tempo per abbatterlo e costruirne uno nuovo: demolirlo sarà un’opera ingegneristica di valore pari a quello della costruzione”, ha concluso il governatore ligure.

Cronaca

Il capitano del pattugliatore nuovo obiettivo di CasaPound

Cronaca

Si riparte. Ma i cantieri sono chiusi per ferie

Mose, salvata dalla prescrizione ma non dalle motivazioni: dovrà pagare le tasse sulle tangenti
Cronaca
Venezia - L‘ex magistrato delle acque Piva

Mose, salvata dalla prescrizione ma non dalle motivazioni: dovrà pagare le tasse sulle tangenti

di
La battaglia in nome di Katya, uccisa solo perché voleva legalità
Cronaca
Il caso - Un omicidio tutto politico

La battaglia in nome di Katya, uccisa solo perché voleva legalità

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×