Tre persone sono indagate di omicidio volontario in concorso per la morte di Emanuele Scieri, 26enne deceduto il 16 agosto del 1999 nella caserma “Gamerra” a Pisa, centro di addestramento dei paracadutisti. Non è stato un suicidio, come emerso nelle vecchie inchieste, ma la conseguenza del “nonnismo”. La commissione parlamentare d’inchiesta ha chiesto alla procura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)