Questa è la lettera che Livio Pepino, giurista ed ex magistrato, ha inviato ai direttori de la Repubblica e de La Stampa per correggere le fake news diffuse in questi giorni sul Tav Torino-Lione. Ma non è stata pubblicata. La ospitiamo molto volentieri. Gentile direttore, un fantasma si aggira a margine del dibattito, che attraversa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sono respingimenti senza responsabilità

prev
Articolo Successivo

Caso Brizzi, non è stato affatto tutto inutile

next