Sono nato in un piccolo paese rurale del Mezzogiorno d’Italia quando non era ancora dotato di energia elettrica e di acqua corrente. Ho ascoltato la prima radio quando avevo otto anni, ho visto la prima televisione quando ne avevo 16, sono andato a lavorare in una grande acciaieria quando ne avevo 23, e l’anno successivo ho […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fca, il debito azzerato è soltanto un’illusione

prev
Articolo Successivo

Dal Veneto al Casertano ancora spari sui migranti

next