L’utilitàdella sua collaborazione è tutta da verificare: Nicola Schiavone era in carcere da otto anni, sottoposto a un rigido 41bis. Ma il pentimento del figlio di ‘Sandokan’ Francesco Schiavone, il primo figlio del feroce ed irriducibile boss del clan dei Casalesi, ha un grande valore simbolico. Ed intorno a questa scelta la procura di Napoli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Valle dei Templi: ai dipendenti del museo vietati più di 50 km in auto, ma l’area è immensa

prev
Articolo Successivo

Sindone. La disputa sulle macchie

next