C’è un giallo nel giallo, in questa vicenda piena di “probabili certezze” e tante incongruenze: una controversa fuga di notizie su una svolta determinante nelle indagini sull’avvelenamento da gas nervino degli Skripal, l’ex colonnello dell’esercito russo diventato informatore dei servizi britannici, e la figlia Yulia, trovati boccheggianti lo scorso 4 marzo su una panchina di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Benalla, il braccio violento della legge che inguaia Manu

prev
Articolo Successivo

Quando l’icona sullo smartphone salva la vita

next