È il professor Muharrem Ince a preoccupare più di tutti il Sultano, dal 2003 dominatore incontrastato della Turchia. Le elezioni presidenziali e legislative del 24 giugno sono imminenti e il presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdogan alza i toni contro il più temibile dei suoi avversari, l’unico in grado di mettere a rischio la sua rielezione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

A The Donald interessa solo l’incontro con Kim

prev
Articolo Successivo

I filo-curdi: “Liberate il nostro Mandela. Poi attenti ai brogli”

next