Immaginate un mondo in cui, grazie all’automazione, si lavora sempre meno e si produce sempre di più. È al contempo il mondo in cui viviamo e la promessa di un futuro fantascientifico. Ma se si tratti di un futuro utopico o distopico non è chiaro. Da un lato, una distopia in cui la ricchezza crescente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Terreni intestati a sconosciuti, alcuni anche deceduti

prev
Articolo Successivo

La coppia dei sogni: Mbappé e Dembélé

next