“Primo classificato, Chris Froome. In attesa del secondo, trasmettiamo musica da ballo…”: lo speaker dell’arrivo a quota 1.908 vorrebbe ripetere quel che disse Niccolò Carosio alla radio per Coppi nel 1946, quando il Campionissimo arrivò solitario con un vantaggio mostruoso sugli avversari, nella prima eroica corsa del dopoguerra, la Milano-Sanremo. Invece, scandisce i secondi, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Premio Campiello ’18 In cinquina Janeczek già nei 12 dello Strega

prev
Articolo Successivo

Real Madrid o Liverpool: la sera giusta per decidere chi è il (reale) campione

next